February 16, 2018

January 24, 2018

November 20, 2017

May 2, 2017

Please reload

Post recenti

Presentazione formazione 7 aprile 2018

April 19, 2018

1/4
Please reload

Post in evidenza

Newsletter n. 2

November 20, 2017

Gent.mi,

vi invio la Newsletter n.2 per cercare di tenerci tutti periodicamente aggiornati. 

Questa Newsletter contiene una corposa sezione scritta dai mediatori e riguarda varie informazioni e approfondimenti interessanti di cui è bene prendiate visione.

Buona lettura!

 

Cinzia De Pellegrin

 

NEWSLETTER N°2 - Novembre 2017

 

 

DIEGO BARONI

 

Ricordiamo, come da mail già inviata, che Diego Baroni ha da poco iniziato un periodo di prova di inserimento lavorativo nel reparto mensa e cucina per dipendenti all’interno di un hotel di lusso, il “Mandarin Oriental Hotel, nel centro di Milano.  

Inizialmente c’è stato un affiancamento costante da parte dell’operatore Marco Adinolfi; ora riteniamo che Diego necessiti di un monitoraggio meno costante in quanto presenta buone competenze e capacità di adattamento.

Si tratta di un lavoro piuttosto impegnativo e con ritmi sostenuti ma ci auspichiamo che per Diego si apra una vera opportunità di lavoro!

Terremo monitorato il tutto e gli daremo tutto il supporto che riterremo necessario.

 

 

SALONE DI BELLEZZA - CUSANO MILANINO

 

Relativamente al salone di bellezza nei pressi di Cusano Milanino, gli accordi sono stati presi (contratto fatto dall’Avvocato Franchina), ma attenderemo gennaio per far iniziare l’esperienza di formazione ad uno dei soci disabili in quanto in questo periodo la preparazione per il Natale ci costringe ad un ritmo molto serrato. Come vi scrivevo, il contesto ci pare offrire buone possibilità di apprendimento all’interno di un reale luogo lavorativo per cui può divenire per qualche ragazzo un’opportunità per mettersi alla prova, per sviluppare competenze relazionali, sociali, autonomie, per apprendere regole e ritmi di lavoro che divengono preparatori per un futuro inserimento lavorativo.

Al momento abbiamo pensato di offrire questa possibilità di formazione ad Alessio Corrado.

 

 

BANDO FONDAZIONE NORD MILANO

 

 

 Secondo quanto previsto dal Bando Fondazione Nord Milano che è stato vinto dalla Fondazione e dalla Cooperativa, due o tre ragazzi appartenenti alla zona nord Milano potranno essere inseriti alla Panini Durini per svolgere un periodo di formazione lavorativa (tirocinio). Daremo l’avvio a questo progetto da gennaio/febbraio.

 

Il prossimo inserimento lavorativo (con iniziale periodo di prova) nell’azienda Panini Durini, analogamente al percorso che sta svolgendo Nadia, vedrà protagonista Giacomo De Luca, il quale è in trepidante attesa! La responsabile delle risorse umane della Panini Durini comunica che sta attendendo che un nuovo punto di ristorazione, dove potrebbe andare Giacomo, prenda l’avvio e si stabilizzi minimamente nella sua organizzazione. Ci farà sapere a breve quando potremo iniziare.

  

CHEF CAPOTOSTI

 

 

Lo chef Capotosti, dopo essere stato a Dergano a girare il filmato con alcuni soci della Cooperativa, ha risposto ad un nostro messaggio di ringraziamento! Vi riportiamo il testo dei nostri ringraziamenti e sotto il suo messaggio.

 

Nostro messaggio

 

Gent.mo Chef Capotosti,

a nome dell’Associazione Aemocon e insieme al gruppo di persone della Cooperativa Sì Si Può Fare, la vorremmo ringraziare per la preziosa disponibilità che ci ha offerto dedicando il suo tempo e la sua professionalità per supportare i progetti sulla vita autonoma e indipendente che stiamo mettendo in atto nell’ambito del Percorso “Emozione di Conoscere e Desiderio di Esistere”.

Il Prof. Cuomo, ex docente di Pedagogia Speciale dell’Università di Bologna, ricercatore e ideatore del metodo “Emozione di Conoscere”, ha dato l’avvio a questa avventura qualche anno fa insieme ad un gruppo di genitori e noi oggi continuiamo a seguire il percorso che ha l’intenzione di creare una migliore qualità di vita per le persone con disabilità ma anche una società più rispettosa delle originalità di ciascuno di noi.

Il Prof. Cuomo ha sempre avuto grande interesse per lo studio sulla relazione tra cucina e sviluppo intellettivo ed affettivo, tra cucina e sviluppo sociale e culturale. Le riportiamo uno stralcio di una sua intervista che parla proprio di questo.

Il Prof. Cuomo racconta: “Io credo che il mangiare, la cucina sia la rappresentazione della civiltà. Tutta l’evoluzione della cucina propone lo sviluppo intellettuale e culturale delle persone. La cucina e il cucinare inoltre propone una dimensione affettiva,  una situazione emozionale: io cucino, ho il piacere di cucinare e ho il piacere di far assaggiare. Quindi la cucina non va vista solo come momento di nutrizione ma come scambio.” (intervista visibile collegandosi all’indirizzo: https://www.youtube.com/watch?time_continue=160&v=-vhgBAGTZD0 ).

Le auguriamo buon lavoro e speriamo di avere altre possibilità di incontrarla lungo il nostro percorso.

Le inviamo anche i video-ringraziamenti di Giacomo, Fabio e Marco, a nome di tutti. Potrà cliccare nel seguente link per vederli!

https://www.dropbox.com/s/1mwhvpityh8jfwt/VID_20171109_182011.mp4?dl=0

 

Dott.ssa Elisabetta Bacciaglia

Psicologa Presidente Associazione AEMOCON

Dott.ssa Alice Imola

PhD in Scienze Pedagogiche Vice Presidente Associazione AEMOCON

Dott.ssa Cinzia De Pellegrin Pedagogista e Coordinatrice progetti Lombardia per AEMCON

 

Messaggio dello chef

 

Grazie ! ...e infinite volte grazie a voi tutti per la gentilezza dimostrata.

Partecipare a questa iniziativa per me è stata 

 una grande esperienza  che mi auguro vivamente si possa ripetere al più presto.

Rinnovo il mio invito a contattarmi per qualunque progetto legato al contesto formazione/cibo, sarà un piacere mettere a disposizione il mio sapere.

 

Alessandro.

 

SEZIONE SCRITTA DAL GRUPPO DEI MEDIATORI

ALBERTO, ELENA, MATTEO, MARCO, MARIKA, PAOLA

 

Carissimi,

la ripresa dei lavori dopo la pausa estiva è stata veramente piena e densa di novità che sono servite ad arricchire i nostri progetti.

Qualunque situazione, evento, scadenza, festività che coinvolga il nostro progetto e le sue sedi, DEVE  diventare opportunità di sviluppo cognitivo per i nostri amici con disabilità e noi, come gruppo di operatori, cerchiamo di non dimenticarlo mai e di renderlo effettivo.

 

Di seguito facciamo un elenco di alcune occasioni che abbiamo cercato di sviluppare ultimamente.

Saluti da tutti!

 

1. TIROCINI LAVORATIVI

 

 Ogni tirocinio, al di là dell'opportunità che rappresenta il tirocinio stesso, deve in primis poter effettivamente essere un'esperienza POSITIVA E FORMATIVA per la persona che ne usufruisce.

In questo senso anche il tirocinio va preparato e progettato con attenzione, insieme allo staff scientifico, e questo lavoro per noi operatori ha significato impegnarci in alcune azioni:

 

  • SOPRALLUOGO: Presentazione del progetto al responsabile/datore di lavoro, verifica delle caratteristiche ambientali e relazionali presenti (tra colleghi), ricerca delle attività possibili per la persona e utili per l'azienda ospite (ciò per noi è un punto fondamentale).

  • AFFIANCAMENTO: accompagnamento all'inserimento per il tempo valutato necessario. Mediazione affinché coi nuovi colleghi la persona possa emergere nelle sue caratteristiche peculiari avviando una relazione sullo stesso piano. Costruzione degli strumenti mediatori AD HOC per la nuova situazione.

  • MONITORAGGIO: monitoraggio periodico da parte dei mediatori, con sopralluoghi periodici sul posto di lavoro e contatti telefonici con colleghi o responsabili del contesto lavorativo. Monitoraggio anche del vissuto della persona disabile che frequenta il tirocinio (come sta, si sente accolto e valorizzato, il suo comportamento ci fa ipotizzare possibili problemi oppure un andamento sereno, ...)

  • ASPETTI AMMINISTRATIVI E LEGALIData la natura del nostro progetto e della Cooperativa Sociale, si è resa necessaria la ricerca di consulenze che ci hanno permesso di creare le giuste condizioni per rendere la Cooperativa soggetto promotore dell'esperienza lavorativa, tutelando tutti i soggetti coinvolti. Nel caso di Panini Durini siamo stati un caso “APRIPISTA”, cosa che ha richiesto un grosso lavoro di mediazione tra avvocato e responsabili dell'azienda.

  • PREPARAZIONE E MOTIVAZIONE DELLA PERSONA: la persona viene da noi preparata all’esperienza, sia attraverso l’apprendimento di abilità che consideriamo importanti per poter entrare nel nuovo contesto dell’azienda ospitante, sia attraverso la stesura di un Curriculum Vitae costruito in modo da poter essere uno strumento per raccontarsi nelle cose che si sanno fare (es. nel laboratorio/punto vendita, nella scuola delle autonomie, a casa, …), sia attraverso la creazione di Cerimoniali che forniscano importanza al percorso fatto e anche a quello da fare (tirocinio o lavoro).

 

2. CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE

 

Come sapete dalla mail inviatavi il 27 settembre (“aggiornamento sulle ultime novità”) è in atto una campagna di comunicazione sul nostro progetto, portata avanti dalla società TRILUD (vedi sito Pourfemme).

Questa campagna ha avuto diversi step.

L'ultimo è stato il  video girato con lo Chef Alessandro Capotosti venuto a fare la spesa in negozio e a preparare un dolce nell'appartamento di Via Carnevali.

Questo evento ci ha permesso di lavorare su molteplici fronti:

Il nuovo allestimento della casa di Via Carnevali: la casa doveva presentarsi in ordine, carina e accogliente visto che ci sarebbero state delle riprese e questo ha permesso di riflettere, ipotizzare, pianificare coi “ragazzi”, affrontando diversi aspetti: siamo stati tutti coinvolti nelle diverse fasi che vanno dalla progettazione all'acquisto di alcuni oggetti di arredo, al montaggio, alla disposizione e al fissaggio degli arredi.

  • Pulizia e preparazione degli spazi, del negozio e della casa

  • Predisposizione di un piccolo catering per lo chef che arrivava in orario di pranzo e per le persone coinvolte nelle riprese

  • Acquisto degli ingredienti necessari per la torta, non presenti in negozio (es. lievito…).

  • Lavoro di rivisitazione e mediazione con i responsabili del montaggio rispetto alle proposte editoriali per evitare che il video potesse scivolare nei luoghi comuni riuscendo invece a valorizzare gli aspetti salienti del progetto.