February 16, 2018

January 24, 2018

November 20, 2017

May 2, 2017

Please reload

Post recenti

Presentazione formazione 7 aprile 2018

April 19, 2018

1/4
Please reload

Post in evidenza

Newsletter n. 3

January 24, 2018

Gent.me famiglie e operatori,

buon anno a tutti!

Con questa breve Newsletter vi voglio fornire alcuni aggiornamenti relativi a quest’ultimo periodo.

Trovate anche una lettera di Paola Schwarz, alla quale ho chiesto di fornirvi qualche informazione circa la campagna di raccolta fondi appena conclusa, da lei seguita personalmente.

Saluti, 

 

Cinzia De Pellegrin

 

NEWSLETTER N°3 - Gennaio 2018

 

 

ALESSIO CORRADO

 

 scorso Alessio Corrado ha ufficialmente iniziato un tirocinio formativo presso il salone di bellezza della signora Raffaella Mazzoccoli, a Cusano Milanino. Vi allego la foto della firma del contratto che regola il periodo di formazione, la presenza di Alessio e dell’educatore all’interno del salone. Alessio sarà accompagnato nell’esperienza una volta a settimana da Paola Schwarz, la quale si è resa disponibile per questa esperienza che rientra ancora per lei in un ambito formativo. L’esperienza sarà seguita assiduamente da me come supervisore.Venerdì

Vi manderemo strada facendo maggiori aggiornamenti sull’andamento dell’esperienza che forse aprirà le porte ad una nuova collaborazione con questo salone di bellezza, collaborazione che potrebbe risultare utile anche per altri “ragazzi”.

 

 

PANINI DURINI

 

Vi informo che, secondo i nuovi accordi presi da Matteo con la responsabile delle Risorse Umane di Panini Durini (Raffaella Mazzoccoli), Giacomo De Luca nei primi giorni di febbraio inizierà il suo periodo di formazione lavorativa presso un Punto di Ristorazione Panini Durini. Giacomo stava da mesi attendendo questo momento con tanto desiderio!

Verrà seguito due volte a settimana da Matteo, molto probabilmente nei seguenti giorni: martedì mattina e venerdì pomeriggio.

 

 

BANDO FONDAZIONE NORD MILANO

 

 

zona Nord MilanoLorenzo MuscilloSempre ad inizi febbraio inizieremo a far svolgere all’interno di un punto di ristorazione Panini Durini il primo periodo di formazione lavorativa ad uno dei ragazzi della , in quanto dimostra di aver raggiunto un ottimo senso di responsabilità, atteggiamento adulto e capacità di rispetto delle regole dei contesti lavorativi. Venerdì prossimo ci sarà un primo incontro di Lorenzo con Raffaella Mazzoccoli per una conoscenza reciproca e se tutto sarà come pensiamo, si potrà iniziare con febbraio lo stage con l’affiancamento di Matteo. che consideriamo più pronti per iniziare uno stage in questo contesto. Abbiamo proposto a Raffaella Mazzoccoli (Risorse Umane)

Nel bando si prevede la possibilità di far fare lo stage a 2 o 3 persone della zona nord Milano: dopo circa un mese di stage di Lorenzo, sceglieremo le altre persone e valuteremo i tempi e le modalità del loro inserimento. Per Lorenzo abbiamo ipotizzato due moduli a settimana: il lunedì pomeriggio e il giovedì pomeriggio. 

 

  

Questo periodo, come potete leggere, è denso di novità e di impegno per tutti, soprattutto per i mediatori che seguono e seguiranno i tirocini e inserimenti esterni.

Sarà necessario sicuramente far in modo che alcuni moduli che ora Matteo fa a Dergano siano fatti da altro operatore per non apportare problemi all’organizzazione settimanale di tutti. Stiamo pensando a Paola Schwarz, la quale potrà per un periodo sostituirlo in affiancamento con altri operatori.

 

Pensiamo:

C’è Alessio che ha appena iniziato un'esperienza di tirocinio esterna.

A brevissimo inizieranno a svolgere i loro stage Giacomo e Lorenzo e poi altri ragazzi nell’ambito del Bando.

Abbiamo Nadia, che sta proseguendo molto bene e che probabilmente potrà iniziare a svolgere un altro turno settimanale alla Panini oltre a quelli che già fa (ora ne fa 3). Viene attualmente seguita da Matteo una volta a settimana anche se ciò varia e varierà a seconda delle esigenze che emergeranno.   

C’è Diego, il quale è a circa metà del suo percorso di stage formativo all’Hotel Mandarin.

Ho avuto pochi giorni fa, insieme a Marco Adinolfi (che lo segue nel tirocinio), un incontro con il direttore risorse umane del Mandarin, la referente risorse umane, la cuoca che lavora con Diego… sono tutti molto soddisfatti per i risultati raggiunti in pochi mesi dall’inizio del progetto e soprattutto entusiasti per la modalità di intervenire che proponiamo col nostro progetto. Marco è stato elogiato per l’umanità e la professionalità dimostrata e il Direttore delle Risorse Umane si è reso disponibile per continuare la collaborazione chiedendoci di fare un sopralluogo negli altri contesti lavorativi dell’Hotel al fine di valutare la possibilità di effettuare altri tirocini con il futuro scopo di inserimenti. Il Direttore sarebbe anche contento di poter collaborare con noi per far emergere il valore sociale dei nostri progetti e dei progetti di integrazione e inserimento all’interno del Mandarin Hotel, l’impatto di questi inserimenti sulle persone, sui dipendenti, anche attraverso un lavoro di interviste e documentazione.

 

Continuando a lavorare così potremo a poco a poco farci conoscere e ampliare le possibilità di entrare nelle aziende esterne con i vostri figli: noi speriamo di poterlo fare non solo con quelle persone che dimostrano più competenze lavorative bensì con tutti, auspicando che ognuno dei vostri figli abbia la possibilità un giorno di entrare in un contesto lavorativo, con le proprie caratteristiche, le proprie competenze, la propria originalità, offrendo il suo contributo, il migliore che egli potrà dare!

 

Con questi auspici, vi saluto.

 

Cinzia De Pellegrin

 

LETTERA DI PAOLA

 

Ciao a tutti!

 

Vi comunico che l’8 gennaio è terminata la raccolta fondi promossa da Pourfemme.it (www.buonacausa.org). Le donazioni alla Fondazione hanno raggiunto nel periodo natalizio 3.302 Euro!

Anche se la cifra è inferiore a quella cui si ambiva (9.000€), si tratta pur sempre di un interessante contributo che si potrà utilizzare per alcuni acquisti presenti nella lista e valutati utili per i progetti (in fondo riporto, che chi non l’avesse vista, la lista degli oggetti per cui le persone hanno fatto le donazioni).

 

Voglio rassicurarvi sul fatto che questa prima raccolta fondi non è stata un’esperienza conclusa, ma un primo “esperimento” a cui ne vorremmo far seguire altri, grazie alla disponibilità delle persone che gestiscono gli editoriali.

Vi correi spiegare come siamo arrivati a definirne i contenuti: l’idea è nata dalla collaborazione con TRILUD (società di comunicazione pubblicitaria ed editoriale il cui proprietario è Alberto Gugliada, lo stesso del Bicerin). Come sapete, grazie a TRILUD abbiamo pubblicato su PourFemme una serie di articoli e video per far conoscere i progetti della Fondazione e di Aemocon. Nel progetto editoriale avevamo poi definito che sotto Natale PourFemme avrebbe sostenuto questa campagna fondi. Gli esperti di TRILUD ci hanno orientati spiegando che la campagna avrebbe avuto più impatto se invece di proporre ai sostenitori un grosso investimento (tipo: compriamo una casa), avessimo proposto tanti oggetti di non troppo alto valore e utili nella quotidianità dei progetti, in modo che le persone potessero sentirsi più protagoniste nel donare: se io dono 50 Euro per comprare una cosa che ne costa 100 o 200 sento di aver avuto un ruolo importante per l’acquisto di quell’oggetto, mentre se dono 50 Euro per un oggetto che ne costa 10.000 sento che il mio contributo non è servito a nulla.

La lista degli oggetti che i mediatori hanno costruito per questa prima raccolta fondi è quindi stata orientata e poi visionata e approvata da loro.

Altro momento che TRILUD ha consigliato di inserire in questa iniziativa è un invito, una volta finita la campagna, alle persone che hanno donato per visitare i luoghi dei progetti in modo da far conoscere da vicino i contesti in cui agiamo (si pensa quindi al negozio e alla casa di Dergano) ma anche in modo da permettere loro di vedere  personalmente gli oggetti che sono stati acquistati grazie alla loro donazione (come sono stati usati effettivamente i loro soldi  - un’azione di Pubbliche Relazioni che spesso si associa alle raccolte fondi).

In tutto questo vorrei però evidenziarvi alcuni punti:

  • In una raccolta fondi è molto importante il progetto: la gente che ha donato non si sofferma sui singoli oggetti, ma è spinta a partecipare dall’emozione suscitata dall’idea che sta dietro e che abbiamo sollecitato con i vari articoli su PourFemme.  Gli oggetti in questo caso sono un’occasione: avevamo già chiarito cosa fosse la Scuola delle autonomie e il Negozio e quindi a cosa servissero.

  • Purtroppo non è stata messa in campo in questa iniziativa di raccolta fondi tutta la spinta necessaria perché la Capoprogetto ha avuto (e ha purtroppo tuttora) un grave problema di salute e familiare che non le ha permesso di attivare tutte le risorse (coinvolgimento di un personaggio famoso trainante come Barbara D’urso o la Corvaglia) che avrebbero dato una forte scossa alle donazioni.

  • Le risposte su una raccolta fondi su Internet sono ovviamente diverse da quelle effettuate durante un concerto o un banchetto: manca il contatto umano e un approccio diretto con le persone e quindi per emozionare e coinvolgere occorrono impegni economici più importanti e coinvolgimenti variegati e più onerosi ed è per questo che il successo è meno assicurato.

 

A me sembra che si possa comunque essere contenti per questa prima esperienza.

Ci sono inoltre varie altre iniziative che si stanno delineando. Appena avrò un quadro preciso mi piacerebbe parlarvene di persona, in modo che siate tutti informati e possiate farmi direttamente le domande che volete. Magari nel famoso apericena di cui si parlava tra un pacco natalizio e l’altro: che ne dite di organizzarlo nella prima settimana di febbraio?.

Se avete qualsiasi domanda da farmi chiamatemi senza problemi, il mio numero lo sapete ma ve lo ridò per sicurezza: 3356773828.

Buon 2018 a tutti!!

 

Paola

 

Riporto la lista presentata per la raccolta fondi. La posizione degli oggetti nella lista non segue una priorità e sulla base della cifra raggiunta con le donazioni, i mediatori si confronteranno con il Comitato per la scelta di cosa acquistare in base anche alle necessità e priorità pedagogiche:

"Scuola delle Autonomie"

- Servizio di piatti, bicchieri e posate per 12 persone

- Servizio di pentole e utensili per cucinare

- Divano-letto

- Aspirapolvere

- Appendiabiti

- Vaporetto

- Condizionatori

 

"Aemocon - L’emozione di conoscere i sapori"

- Computer

- Registratore di cassa con lettore del codice a barre

- Telecamere per controllo in remoto

- Microfoni ambientali

- Espositore per vetrina

- Frigorifero per vetrina

- Pellicole per vetrina

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload